Bad times, harsh times

Dopo l’“Economist” tocca al “Financial Times”. Un altro prestigioso settimanale inglese si unisce al coro e punta il dito contro la nuova reggenza Berlusconi, e in particolare contro il lodo Schifani bis e il lodo Alfano. «Watching his new government in action is a bit like sitting down to view a bad old movie again», «vedere all’opera il suo nuovo governo è un po’ come sedersi a rivedere un vecchio brutto film».
E ancora «once again, the 71-year old prime minister is spending much of his political energy legislating to protect himself from Italy’s public prosecutors». 

Ma oramai la spiegazione è quasi banale: probabilmente anche il “Financial Times” è un rotocalco comunista e colluso con alcuni PM italiani di quelli ostinatamente alle calcagna del Cavaliere…

Da Italiano, oramai lascia una sensazione di ebbrezza agrodolce sentire un giornale esprimere un j’accuse contro Berlusconi.

Advertisements

3 thoughts on “Bad times, harsh times

  1. DDT

    Beh, che dire, lo sappiamo tutti che la stampa, le televisioni, le banche, le imprese e i magistrati passano le giornate a complottare contro Berlusconi. Bravo lui che non si perde d’animo e gli da’ battaglia.

    Poverino: tutta la vita a combattere contro un sistema che lo ha preso di mira.

  2. Rivolgendosi alle proprie orde, pare che Gengis Khan abbia detto: “Dovete aver fatto qualcosa di davvero terribile per esservi guadagnati un condottiero come me”. O qualcosa del genere.
    Lo stesso vale per noi. Anzi, ti dirò, ci meriteremmo ben di peggio. Quasi quasi mi dispiace di non essere andato a votarlo. Un voto in più, magari, avrebbe acuito la sua, peraltro innata, stronzaggine. Che so, invece della Robin Tax avrebbe emesso una bellissima Superciuk Tax che trasferisca d’ufficio gli ultimi spiccioli dalle nostre tasche di poveracci zozzoni a quelle dei bimbi ricchi perché ci si scapriccino un pò senza annoiare i genitori con continue richieste.
    Non se la sta cavando male, comunque. Ora che ha la certezza di essersi schivato la galera, vedrai quante ce ne combina.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s