Rape it again, Sam…

magritte-rapeDopo il profluvio di notizie su rumeni stupratori di questi giorni, dopo l’indignazione dell’opinione pubblica che sembra non saper fare altro che invocare la castrazione per questi bruti barbari che —signora mia— farebbero bene a tornarsene a casa loro, anziché venir qui a rovinare il buon nome del nostro Belpaese, dopo tutto questo dicevo, qualcuno timidamente riporta alla luce una ricerca dell’ISTAT di pochi mesi fa.

Non stupisce che —nell’ultimo anno— il 69% delle violenze sessuali sia stato commesso da familiari della vittima, nella stragrande maggioranza dei casi il marito, il fidanzato o l’ex-fidanzato, e nella restante parte parenti di primo grado in genere. Forse è questo che intendono i Cattolici quando dicono che la famiglia è un valore essenziale nella nostra cultura e che va preservato. Un milione e duecento cinquantamila le donne che hanno riportato violenze sessuali nel 2006 in Italia; impossibile stabilire quante siano quelle che non abbiano avuto il coraggio di denunciare alle autorità l’accaduto, ma si dice che siano ben più del doppio.
Rullo di tamburi sul 3% degli extracomunitari denunciati. Quasi non bastasse, la zona urbana del milanese, che ospita da sola circa un quarto degli immigrati regolari e non in Italia, è una delle zone dove la violenza sessuale sembra essere meno diffusa in rapporto alla popolazione.

(Proverbiale velo pietoso sulla battuta di Berlusconi che sostiene che fosse assolutamente imprevedibile e inimputabile alla scarsa vigilanza uno stupro di gruppo in una strada abitata a Roma: come sottolinea il sempre ottimo Vittorio Zucconi, riporta alla memoria Donny ‘Rummy’ Rumsfeld quando, dopo il disastroso sacco di Baghdad ad opera delle oramai scalcagnatissime truppe di Saddam, se ne uscì con uno spalluccevole «shit happens…»)

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s