“Valkyrie”

2890049665_bbf0c2a129[***]

Quello di Brian Singer è un cinema freddo e istericamente votato al dipolo bene/male come monolite privo di sfumature, introspezione o incertezza umana, ma secondo lui fonte di vita eterna per storie avulse dal realismo e incatenate al fiabesco. Non c’è in lui la minima defiance nella corsa all’acqua calda con una ricerca dell’uomo come surrogato non dotato di superpoteri degli X-Men, o di Clark Kent che non può diventare Superman; l’uomo è un meccanismo a orologeria che scatta e fa scattare il prossimo suo innescando una serie coordinata di meccanismi a catena incrociati. Non c’è elasticità, non c’è sbavatura: l’attore per Synger è contenitore di azioni.
Dopo aver promesso Tom Cruise come testa di ponte per il cast, dopo aver consegnato alla storia un Kenneth Branagh ingrassato e tronfio come Maradona anni dopo la sua iperbole nel Napoli, dopo aver bombardato di tensione, campi e controcampi, piani banali esposti come bestie in uno zoo e attori legati alla cuccia con doppio filo cortissimo, si scopre che del film non c’è molto altro. O meglio: non c’è l’aspetto che si istiga a desiderare —quello umano— e che si tradisce con doppia colpevolezza nel negare. A titolo di decadente gioco, Singer sollazza a contornare il protagonista di attori capaci, relegandoli al ruolo di collante tra un’impennata di tensione e un’altra, tra uno sguardo perso e un dialogo strozzato, dimenticando completamente l’aspetto ‘cinema’ e votandosi a punto di crocevia tra la narrazione documentaristica e il serial televisivo.

Quello che sembra rimanere in gola dopo aver visto il film è la sensazione che di tutta questa storia siano state messe su schermo solo la forma e la dinamica, e che il colore, il suono e il cuore siano rimasti ben lontani dalla macchina da presa, lasciandoci nell’incapacità di sentirsi coinvolti come l’occasione chiederebbe.

Advertisements

2 thoughts on ““Valkyrie”

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s