Some flew down the cukoo’s nest

Forse son malizioso, misantropo e «ossessionato» (sì, m’han detto anche questo), ma vedere una folla oceanica come quella che ha portato in trionfo meno di una settimana fa quella casseola di immigrati che è l’Inter m’ha incarognito a morte.

Se i Cileni, Brasiliani, Argentini, per tacere di Ghanesi, Rumeni, Serbi e Nigeriani che hanno giocato tra le ovazioni dei tifosi in fibrillazione fossero scesi da un barcone dopo aver schivato uno dei legittimissimi «respingimenti» del ministro Maroni, credo che tre su quattro, tra le persone che hanno ammorbato il circo sportivo mediatico festeggiando uno scudetto come fosse lo sbarco in Normandia o il 25 Aprile, avrebbero preso volentierissimo in mano una doppietta per accompagnare gli ospiti indesiderati al primo posto di polizia a sbarazzarsene come blatte rinvenute nella casa al mare il primo di Agosto.

(Tutto ciò non ha nulla a che spartire con l’Inter in sé: avrei detto la stessa identica cosa anche di una squadra di calcio decente)

Advertisements

3 thoughts on “Some flew down the cukoo’s nest

  1. Carlo

    Beh, credo che trovare lavoro in una squadra di calcio sia uno dei pochi metodi che ci siano per entrare in italia legalmente…

  2. Tu pensa che il professore e io, sabato sera, uscivamo ignari da un cinema di corso vittorio emanuele, che aveva lasciato due ore prima indolente e semideserta, e ci siamo ritrovati intrappolati in una bagarre inestricabile di dementi urlanti.

    (Dovevano avere aperto le porcilaie…)

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s