Spaghetti cozze e carciofi

Quando —dicevo— sai che puoi contare ancora per pochi giorni di pesce di qualità a buon prezzo, ne approfitti e fai manbassa.
Gli è che un’altra delizia autoctona sono i carciofi — o “carcioffi”, come scrivono praticamente tutti i venditori a San Benedetto sui cartelli delle primizie sulle bancarelle.

Per cominciare pulite i carciofi —uno a testa per i commensali— e gettateli in acqua acidulata con limone. I gambi vanno puliti di tutti i filamenti e affettati a rondelle non troppo spesse (diciamo due, tre millimetri di spessore). Affettate i cuori molto sottili e metteteli a soffriggere in un tegame con aglio, olio e peperoncino. Ricordate che il peperoncino tanto più soffrigge, tanto più aumenta la propria piccantezza; quindi se non li volete troppo piccanti o ne mettete poco, o ne mettete a metà cottura.
Aggiungete un mezzo bicchiere di Vermentino e di tanto in tanto l’acqua di cottura della pasta per intenerire la polpa e profumarla con un retrogusto leggermente acre.
Quando gettate la pasta, aggiungete ai carciofi delle cozze. Appena si aprono sgusciatele —cioé finite di spalancare con la forza le valve e togliete il frutto— e lasciatele cuocere a fuoco lento. Ad alcuni piace che alcune cozze rimangano nei gusci, ma non fatevi prendere dalla foga: è tutta scena.
Salate il condimento, tirate la pasta al dente e finite di cuocerla saltandola nel tegame con carciofi e cozze. Se dovete aggiustare il sale, questo è il momento.
A freddo spolverate con prezzemolo e, se vi piace, irrorate di bottarga di muggine.
Accompagnare con lo stesso Vermentino di Gallura di cui sopra, o con un bianco altrettanto fruttato.

Se siete di quelli che credono che frutti di mare e di terra dovrebbero starsene ben lontani dalla medesima portata, o addirittura dallo stesso pasto, beh, questo è il piatto che vi consiglio per una profonda crisi delle vostre credenze.

Advertisements

6 thoughts on “Spaghetti cozze e carciofi

  1. Roano

    I carcioffffi si abbinano benissimo con..

    ..prodotti del mare quali gamberi, calamari e appunto cozze.
    Bottarga e carciofffffffi poi sono un classico anche come antipasto.
    Non vedo bene cozze e bottarga, anche se so che in molti la spolverano anche sulle arselle..
    E comunque m’è venuta fame…

    1. Beh, in effetti avendolo provato anche senza, devo dire che qui l’accostamento molto delicato di carcioffi e cozze non merita il pugno chiuso di una cucchiaiata di bottarga sopra.

  2. calippa

    Poffarbacco. Dovevo arrivare alla mia veneranda età per scoprire che “il peperoncino tanto più soffrigge, tanto più aumenta la propria piccantezza”.
    (un’altra ricetta da provare :slurp:)

    1. Beh, in realtà sono i semi che se fritti diventano ancora più incazzati sul palato; io usando il peperoncino tritato o a fettine non faccio gran differenza nel parlare.

      (…ed è una cosa che ho scoperto anch’io di recente!)

  3. L’abbinamento cozze-carcioffi promette grandi cose.

    (Anch’io dubito che la bottarga possa convolare a giuste cozze, ma poiché amo le porconerie te l’appoggio. Nel senso che l’assaggerei volentieri anche nella versione cum bottarga…)

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s