Mezzepenne zucchine e bottarga

Passato lo scimproriu per i carciofi, ecco la rapsodia per la bottarga — o meglio il fisiologico raptus di un idillio che dura ormai da quasi tre anni.

Procuratevi delle zucchine. Quelle sarde bianchicce sono eccellenti per la bisogna, ma anche le classiche verde scuro fanno il loro mestiere. Affettatevele come preferite; io di solito le faccio a fiammifero, con la sezione bene o male di uno spaghettone. Gettatele in una pentola con olio e uno spicchio d’aglio, e fatele andare per qualche decina di secondi a fuoco vivace, quindi spegnetele con una spruzzata di vino bianco e abbassate la fiamma. Aggiungete peperoncino e due/tre cucchiai di panna.
Scolate la pasta al dente e fatela saltare con le zucchine e la panna; mescolate per bene, spegnete il fuoco e cospargete di prezzemolo tritato.
Servite aggiungendo copiosa bottarga di muggine.

Advertisements

2 thoughts on “Mezzepenne zucchine e bottarga

  1. calippa

    Carissimo divulgatore di delizie gastronomiche, un dilemma. Non amo particolarmente la panna… snaturo completamente il piatto, o posso farne a meno con eleganza? Può essere sostituita da altro ingrediente?
    (non vedo l’ora di dare inizio alle serate gastronomiche padane :D)

    1. La prima volta che l’ho fatta non ho messo panna, ed è venuta comunque molto buona e decisamente più leggera. Lascia semplicemente soffriggere le zucchine a fuoco vivace e procedi come sopra.
      Questa è una versione 2.0 che ho provato per cercare di conciliare latticini e sapore di mare. E’ più pesante, e ad alcuni -appunto- la panna non fa impazzire.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s